Serie A: il pagellone del campionato

Serie A pagellone: i voti squadra per squadre. Juventus una certezza, Milan una delusione. Sampdoria la solita sciupona a fine campionato

Ci siamo. La Serie A è appena finita e, quest’anno, è stata molto più appassionante rispetto agli anni passati nonostante la vittoria – la settima di fila – dello scudetto per la Juventus. Era da almeno 5 anni che non assistevamo a un campionato di Serie A così combattuto, così spettacolare. Seppur macchiato dalla tragica scomparsa di Davide Astori, grandissimo uomo prima ancora che grande calciatore.

Come dicevo, è stato un campionato praticamente inedito. L’arrivo della VAR sicuramente è stata la novità più importante. E guarda caso, il nostro campionato è diventato più equilibrato da quando è stata introdotta la tecnologia per aiutare gli arbitri. Ma questo è un altro discorso, ecco il pagellone Serie A!

Pagellone Serie A: la corsa scudetto e Champions League

JUVENTUS

Anche quest’anno, per la settima volta di fila, i bianconeri si aggiudicano lo scudetto. L’eliminazione in Champions League brucia, soprattutto perchè arrivata all’ultimo minuto contro un Real Madrid ormai al tappeto, ma la Juventus si è rifatta alla grande vincendo la Coppa Italia e, successivamente, il campionato.

BONUS: E’ stato anche l’anno in cui Gigi Buffon ha annunciato di lasciare la Juventus. Dopo 17 anni di successi

Rispetto agli anni scorsi per Allegri qualche sconfitta di troppo, ma il suo modo di allenare paga e 4 scudetti di fila non arrivano per caso. Grande capacità di vincere mandando in campo praticamente qualsiasi tipo di formazione.

VOTO: 9

NAPOLI

Beffa tremenda per il Napoli di Maurizio Sarri. Anche quest’anno lo scudetto se ne è andato, ma c’è da dire che la truppa partenopea ha combattuto fino alla fine, rimanendo a un solo punto di distanza dalla Juventus per quasi tutto il campionato. A quattro giornate dalla fine, quando si trovava a -4 dai bianconeri, è stato addirittura capace di vincere lo scontro diretto di Torino all’Allianz Stadium. Di lì in poi, però, il tracollo e la sconfitta 3-0 contro la Fiorentina che ha consegnato lo scudetto ai rivali di sempre.

BONUS: Koulibaly esulta dopo lo 0-1, al 93′, segnato contro la Juventus.

In Champions League malissimo come da diversi anni a questa parte: trascurarla per concentrarsi sul campionato non è stata una mossa saggia. E, soprattutto, non ha pagato. Con un buon mercato, e soprattutto con delle riserve all’altezza, questo Napoli potrebbe fare di più. Molto di più.

VOTO: 7

ROMA

Un’annata tutto sommato buonissima per la Roma di Eusebio Di Francesco. In campionato è arrivato di nuovo il terzo posto, ma non per demeriti giallorossi ma bensì per meriti partenopei. In Champions League però la Roma ha fatto meglio della capolista Juventus, venendo eliminata in semifinale dall’armata del Liverpool, francamente più forte tecnicamente. La rimonta ai danni del Barcellona, invece, rimarrà nei libri di storia.

Risultati immagini per roma barcellona 3-0
BONUS: Il 3-0 di Manolas contro il Barca, un gol che manda la Roma in semifinale

Campionato dunque molto positivo, e con qualche rinforzo (soprattutto a centrocampo) i giallorossi potrebbero competere sia in Champions che in campionato. Ah, Schick deve giocare da punta. Nel ruolo di ala destra non ha mai segnato, quando però Di Francesco lo ha messo punta centrale ha fatto 2 gol in 2 partite.

VOTO: 7

INTER

Annata pazzesca dei nerazzurri che, nonostante gli alti e bassi di metà stagione, con una splendida vittoria per 2-3 sulla Lazio si qualificano alla fase a gironi della Champions League. Obiettivo stagionale centrato, dunque. E il 90% del merito è di Luciano Spalletti, che tolti gli innesti Skriniar, Cancelo, Rafinha e Borja Valero è riuscito a portare in Champions la stessa squadra che negli ultimi sei anni non era andata oltre la qualificazione in Europa League.

Risultati immagini per inter lazio 2-3
BONUS: Vecino esulta dopo il gol alla Lazio

In estate ci saranno i rinforzi a parametro zero Asamoah e De Vrij, e l’arrivo di Lautaro Martinez. Molto probabile che l’Inter riesca a ripetersi anche l’anno prossimo.

VOTO: 8

Pagellone Serie A: la corsa Europa League

LAZIO

Annata molto buona per i biancocelesti di Simone Inzaghi, che però si vedono scippare la qualificazione in Champions League all’ultima giornata, per mano dell’Inter in una partita da infarto. Anche quest’anno sarà Europa League, ma la stagione è stata ottima: bel gioco, tanti gol e, appunto, impresa sfiorata.

Risultati immagini per lazio inter 2-3 de vrij
BONUS: De Vrij, nuovo giocatore nerazzurro

Servono però rinforzi, e il sostituto di De Vrij dovrà essere all’altezza. Occhio anche alla possibile cessione di Milinkovic Savic.

VOTO: 7,5

MILAN

Stagione fallimentare quella rossonera, o quasi. Se parti con l’obiettivo Champions e spendi quasi 300 milioni sul mercato, allora l’obiettivo devi centrarlo. Gran parte della colpa va data a Vincenzo Montella, ma diversi acquisti si sono rivelati dei veri flop: vedi Kalinic, Andrè Silva, Ricardo Rodriguez e Musacchio.

Non è tutto da buttare, anzi. Però in estate serviranno acquisti mirati e una buona panchina. Con la grinta di Gattuso si può certamente migliorare quanto fatto quest’anno.

VOTO: 6,5

ATALANTA

Stagione eccellente quella della Dea. Riuscire a riconfermarsi per l’Europa (anche se tramite preliminari) in un campionato difficile come il nostro non è da tutti. Un grande bravo va a Gasperini, che ha saputo valorizzare al meglio i giovani del vivaio e i giocatori della rosa.

In Europa League è stata eliminata dal Borussia Dortmund (!) nonostante due ottime partite. Il prossimo anno se manterrà la propria ossatura e il proprio allenatore, ci sarà da divertirsi.

VOTO: 8

FIORENTINA

Non voglio parlare della morte di Astori, una tragedia immane. Non è giusto ricordarlo così. La stagione della Fiorentina ha avuto alti e bassi e, per il secondo anno, non è riuscita ad andare in Europa. Servirebbero rinforzi e, soprattutto, la conferma di Stefano Pioli sulla panchina.

Inoltre sarebbe necessario ripartire da giocatori come Sportiello, Badelj, Simeone, Veretout, Vitor Hugo per dirne alcuni.

VOTO: 6,5

Pagellone Serie A: metà classifica

TORINO

Un’altra stagione in chiaroscuro per i granata. Sinisa Mihajlovic, nonostante qualche buon rinforzo come Sirigu e N’Koulou, non è riuscito a far decollare la squadra e a metà stagione è stato rimpiazzato da Walter Mazzarri, che ha portato il Torino al  nono posto. Le basi per il futuro sono state messe, ora tocca a Cairo.

Sarà fondamentale trattenere i gioielli come Belotti, Baselli, N’Kolou e Berenguer.

VOTO: 6,5

SAMPDORIA

Stagione molto buona dei blucerchiati che, nonostante fino a due  mesi fa fossero da soli al sesto posto, hanno poi concluso al decimo posto (a pari punti con il Torino nono). Consolidato il piazzamento dell’anno scorso, ma con una qualità del gioco nettamente migliore.

Giampaolo però ha evidenziato gli stessi problemi dello scorso anno: quasi sempre sconfitte in trasferta e solo e sempre un unico modulo. La prossima stagione,  con la possibile cessione di Torreira, bisognerà rinforzare il centrocampo e, soprattutto, la difesa. Stagione comunque molto positiva, dove per il secondo anno di fila la Sampdoria si salva con ampio anticipo e arriva tra le prime dieci.

VOTO: 7

SASSUOLO

Ha rischiato per quasi tutta la stagione di retrocedere. Ma con l’arrivo di Iachini, alla fine, è riuscito a confermarsi in Serie A anche quest’anno. Il Sassuolo ha fatto il suo solito campionato da medio bassa classifica, ma ha rilanciato talenti come Politano, Adjapong e Dell’Orco.

Da segnalare l’incredibile involuzione di Berardi.

VOTO: 5

GENOA

I rossoblù hanno fatto un girone d’andata disastroso sotto la guida di Ivan Juric, ma con l’arrivo di Ballardini è cambiato tutto. Retrocessione evitata e, soprattutto, difesa meno perforabile, grazie anche all’ottimo catenaccio e contropiede adottato dai rossoblù.

Risultati immagini per MIMMO CRISCITO TORNA AL GENOA
BONUS: Mimmo Criscito è tornato al Genoa dopo 7 anni. Chiuderà la carriera a Genova

Il prossimo anno però occorrerà fare meglio, sia a livello societario che tecnico.

VOTO: 5,5

Pagellone Serie A: bassa classifica e retrocessione

CHIEVO VERONA

Un pò a sorpresa, quest’anno il Chievo ha faticato e non poco per salvarsi. Ha dovuto lottare fino all’ultima giornata, e Campedelli è anche stato costretto ad esonerare Maran. Quest’anno solo il brivido, ma l’anno prossimo serviranno acquisti per ogni ruolo.

E, soprattutto, andrà sostituito al meglio il bomber Inglese.

VOTO: 5

UDINESE

Partito sotto la gestione Del Neri, l’Udinese ha da subito faticato. Pozzo è stato costretto ad esonerare il friulano e a prendere Massimo Oddo, che fece da subito bene. Poi, inspiegabilmente, l’Udinese perse 11 partite di fila ed ecco che, a 4 match dalla fine, i bianconeri nominarono Igor Tudor nuovo allenatore.

Salvezza conquistata, ma con una rosa piena di qualità come quella friulana, bisognava e si doveva fare meglio di così.

VOTO: 4,5

BOLOGNA

Anche per il Bologna stesso discorso dell’Udinese. Stagione sottotono, e qualche punto in meno rispetto all’anno scorso. Donadoni, però, salva nuovamente i Felsinei. Bellissimo, a gennaio, il gesto di Verdi: rimanere al Bologna per crescere, rifiutando una squadra come il Napoli. Magari ci andrà in estate, ma intanto è rimasto e, anche grazie a lui, i rossoblù si sono salvati.

VOTO: 5,5

CAGLIARI

L’obiettivo sardo era salvarsi, e così è stato. Non senza qualche difficoltà, ma l’obiettivo stagionale è stato centrato. Basta questo a strappare la sufficienza nel pagellone di fine campionato.

VOTO: 6

SPAL

Buonissima stagione per la SPAL di Semplici che si salva all’ultima giornata, con una grande vittoria 3-1 contro la Sampdoria. Con la rosa che aveva pensavo si salvasse prima, ma l’obiettivo è stato centrato.

Complimenti a società, allenatore e giocatori.

VOTO: 6

CROTONE

Retrocessione piuttosto inaspettata. La stagione dei pitagorici non è stata disastrosa come può sembrare, eppure da quando se ne è andato Davide Nicola è cambiato tutto. Con Zenga ci sono state diverse vittorie, ma con la perdita di Nicola sembra che la squadra ne abbia risentito, soprattutto a livello psicologico.

Un vero peccato, ma c’è la probabilità che il Crotone possa risalire subito.

VOTO: 5

HELLAS VERONA

Stagione a dir poco pessima quella del Verona. Mercato non da Serie A e un allenatore – Pecchia – che non è stato (inspiegabilmente) esonerato quando le cose andavano male da tempo. In caso di risalita, il prossimo anno, occorrerà fare un mercato più adatto e più corposo in ambito economico.

VOTO: 3

BENEVENTO

Prima metà di stagione disastrosa, con una squadra che non riusciva a vincere nè a fare punti. A Gennaio è stato fatto un mercato, obiettivamente, ottimo e ingaggiato un buonissimo allenatore come De Zerbi. Ma ormai il danno era stato fatto. Peccato davvero.

Se la squadra rimanesse questa, non sarà un problema risalire in Serie A. Un grandissimo plauso ai tifosi del Vigorito, che hanno riempito lo stadio e sostenuto la squadra fino all’ultima giornata di campionato.

VOTO: 4,5

Precedente Talenti: Manuel Lazzari Successivo Messi-Ronaldo-Neymar, tre re sul trono del mondo