Adriano e i retroscena sui tempi all’Inter

Adriano retroscena Inter – In una lunga intervista rilasciata alla rivista brasiliana R7, l’imperatore Adriano Leite Ribeiro, meglio noto come Adriano, ha parlato della sua carriera da calciatore e del suo presente. 

Ripercorrendo gli anni passati sui rettangoli verdi, Adriano ha voluto parlare dei tempi dell’Inter e della gestione dei suoi problemi da parte della società del Biscione. Tempi che hanno comunque segnato, sia in maniera positiva che negativa, la carriera di quello che di lì a poco sarebbe diventato “L’Imperatore“. 

LA MORTE DEL PADRE E LA DEPRESSIONE – I problemi cominciarono con la morte del padre, avvenuta proprio quando era ai massimi livelli con l’Inter:”Ho sofferto tantissimo, ho cominciato a stare da solo e ad ubriacarmi. Qui in Italia mi sentivo completamente solo, abbandonato a me stesso”. 

E ancora:”Bevevo tantissimo. Ero diventato un alcolizzato in pratica, e alla fine questo mi fece abbandonare l’Inter”. 

L’ADDIO ALL’INTER – “Non sapevo come nasconderlo, arrivavo ubriaco la mattina agli allenamenti. Mi presentavo sempre, anche se ero completamente ubriaco e lo staff medico mi portava a dormire in infermeria. Alla stampa l’Inter diceva che avevo dolori muscolari“.

IL RITORNO IN BRASILE – “Il problema era la gente che invece di aiutarmi continuava a portarmi alle feste, e questo mi costrinse a tornare in Brasile dove ho dovuto rinunciare ai milioni, ma trovando però la felicità”.